Pubblicato il

BENVENUTI A MARWEN. QUANDO L’ARTE SALVA UNA VITA

titolo benvenuti a marwen

Il 10 gennaio è uscito nelle sale cinematografiche italiane BENVENUTI A MARWEN, il nuovo film di Robert Zemeckis con l’attore Steve Carell protagonista. L’attore , dopo essere diventato famoso per alcune commedie americane, si presenta in questo film in una veste romantica e drammatica nello stesso tempo. Del regista non c’è bisogno di ricordare le sue altre opere ricche di effetti speciali, tra cui Ritorno al futuro, Forrest Gump e Chi ha incastrato Roger Rabbit. Ma perchè vogliamo parlare di cinema nel nostro sito dedicato a prodotti artistici personalizzati e in particolare alle statuine personalizzate ? Perchè si parla di arte, statuine e come tutto ciò abbia salvato la vita a Mark Hogancamp, il personaggio interpretato da Steve Carell.

Fantasia e poesia in Benvenuti a Marwen

foto del film benvenuti a marwen

“Facevo l’illustratore, ero specializzato in scene della Seconda guerra mondiale. Ora scrivo a malapena il mio nome”. Con questa frase Mark Hogancamp esordisce per presentarsi. Tratto da una storia vera, il protagonista, disegnatore e vittima dell’alcool, viene brutalmente aggredito da una banda omofoba. Rimane in come per nove giorni con conseguente perdita della memoria. Siamo negli anni ’80. Mark deve rinunciare alle cure e alle terapie cliniche per mancanza di denaro. Questo lo porta a dover inventarsi qualcosa di nuovo che possa riportarlo ai suoi vecchi ricordi e dare un senso alla sua esistenza. E così nel giardino intorno al suo caravan in cui vive, inizia a riprodurre un villaggio belga della seconda guerra mondiale in scala 1:6. La particolarità di questo villaggio Marwencol, da cui il titolo Benvenuti a Marwen, è che ci sono solo donne pronte a prendersi cura del suo alter ego, un pilota americano. E qui nascono le sue storie. Vicende che, grazie alla realizzazione di case e statuine che prendono vita, gli danno la possibilità di vivere una seconda volta. Gli effetti speciali che contraddistinguono il regista, mescolano persone umane e donne in forma di bambole. Bambole agguerrite e pronte a combattere contro il nemico nazista. Un mondo a volte drammatico ma di fantasia e speranza dove il nostro amico ha la forza di rinascere e brindare “alla vita, all’amore, alle donne di Marwen”.

Speriamo di avervi incuriosito per portarvi al cinema con le statuine di Benvenuti a Marwen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *